problemi di erezione rimedi

Acromegalia e disfunzione erettile: quando la causa è rara

disfunzione_erettile_Acromaglia.jpg

 Una causa della disfunzione erettile di tipo endocrino e molto rara, si chiama l’acromegalia. L’acromegalia è causata dalla produzione eccessiva dell’ormone della crescita (GH) da parte dell’ipofisi, una ghiandola di piccole dimensioni che regola diversi aspetti metabolici, tra cui la crescita corporea. Come conseguenza di questo forte aumento ormonale, il fegato risponde direttamente aumentando anch’esso il fattore di crescita insulino-simile (IGF), portando il corpo a continuare il suo sviluppo anche se in realtà è già completo.

L’acromegalia si manifesta fisicamente attraverso l’inspessimento delle ossa, la crescita di fegato, tiroide e prostata e visivamente all’esterno del corpo con l’ingrossamento di alcuni tratti, in particolare labbra e mani. Se contratta durante la pubertà, l’acromegalia può portare al gigantismo.

Questa malattia purtroppo causa molte complicanze più o meno gravi dovute proprio all’irrefrenabile crescita del corpo che raggiunge estensioni non consone degli organi, che rende difficile la gestione di molti sistemi interni.

Disfunzione Erettile intervista a iacono

Le complicanze maggiori si manifestano nell’apparato cardiovascolare, con cardiopatia specifica, aritmie e ipertensione arteriosa; sulle ossa l’acromegalia agisce con modificazioni della massa ossea e inducendo l’osteoartrosi. Molti sono anche i problemi respiratori, soprattutto le apnee notturne, mentre le principali complicanze metaboliche si sviluppano in diabete mellito e dislipidemia, cioè un’abbondante presenza di lipidi nel sangue.

L’acromegalia agisce anche sulle funzioni endocrine e porta alla comparsa del gozzo multinodulare, un aumento volumetrico importante della tiroide che fa ingrossare il collo causando problemi respiratori. Infine questa rara malattia colpisce l’apparato neuromuscolare, con cefalee, neuropatia, tunnel carpale e miopatia prossimale e causa complicanze neoplastiche, portando alla formazione di polipi iperplastici, adenomi e carcinomi al colon retto e all’ipertrofia prostatica.

L’influenza dell’acromegalia sulla sessualità maschile con la propensione a manifestare problemi di disfunzione erettile per le incidenze sull’apparato cardiovascolare, è stata dimostrata di recente da un’equipe di ricercatori interamente italiana, che ha pubblicato a Maggio 2015 sul “The Journal of Sex Medicine” lo studio “Erectile Dysfuntion is common among men with Acromegaly and is associated with morbidities related to the disease”.

Questa ricerca ha visto la fruttuosa collaborazione tra le Università di Firenze, Napoli, Cesena, Modena e Reggio Emilia, nell’analisi retrospettiva di 57 soggetti con acromegalia di cui 24 con problemi di disfunzione erettile già registrari. Questi ultimi soggetti sono stati comparati con uomini con disfunzione erettile, ma senza acromegalia tra i 4000 pazienti dell’Unità di Medicina Sessuale e Andrologia dell’Università di Firenze.

In seguito alla compilazione di vari questionari specifici e a diversi esami clinici, tra cui il color doppler (PCDU), i ricercatori hanno riscontrato la disfunzione erettile  nel 42% dei soggetti con acromegalia con una maggior prevalenza di ipertensione e di indebolimento delle erezioni notturne. La disfunzione erettile è stata registrata con un livello giudicato severo e con una durata maggiore più nei soggetti con acromegalia che con i pazienti “sani”, soprattutto per una rilevata storia cardiovascolare e bassi livelli diagnostici dal color doppler.

Dai risultati, i ricercatori italiani, hanno evidenziato come l’acromegalia influisce con più incidenza allo sviluppo di problemi gravi di disfunzione erettile negli uomini, per colpa dei gravi danni cardiovascolari che la malattia porta.


Il parere dei pazienti che hanno scelto Solv-ED

Giuseppe - Napoli

Ho 75 anni e ho avuto una vita sessuale notevole e fino all’età di 72 anni non ho mai avuto problemi, solo da un 2-3 anni le cose non vanno più bene.

Ho ancora tanto desiderio e una compagna molto più giovane di me per cui all’inizio ho scelto la strada classica ma a dire la verità con risultati modesti.

Allora il mio amico urologo mi consigliò la protesi ma io non ho pensato neanche per un momento di metterla per cui quando ho letto che un andrologo a Napoli faceva le onde d’urto sono andato subito e anche se ho dovuto fare 12 sedute anziché 6 devo dire che ho recuperato abbastanza bene e per sicurezza ogni tanto prendo mezza compressa “blu” che prima neanche con 2 facevo niente.

Roberto - Milano

Ho 56 anni e avevo questo problema da una decina di anni, con alti e bassi e usando di tutto. Ultimamente ero arrivato al punto che non funzionava più nulla, ed ero in un tale stato di depressione che stavo rovinando anche la mia vita lavorativa, oltre a quella familiare.

Dopo un solo ciclo di trattamenti Solved posso dire di avere di nuovo un’attività sessuale soddisfacente, mi sono riconciliato con la mia compagna e ho anche ricominciato a seguire con entusiasmo il mio lavoro.

Infine vorrei dire cosa mi ha detto qualche giorno fa il mio socio in affari, che non sapeva nulla del mio problema: “Lo sai Giuseppe, devo dirti con piacere che mi sembri tornato sicuro di te come una volta. Ma che hai fatto?”. Voglio proprio dire con piacere: “Grazie Solved!”

Filippo - Caserta

La vita a volte è strana, con la mia ex moglie non ho mai avuto problemi, superati i 40 anni ho cominciato ad avere dei piccoli problemi che, con il passare del tempo sono aumentati.

Inizialmente ho creduto ad un aspetto psicologico, dovuto dalla separazione o allo stress. Facendo i dovuti controlli mi è stato consigliato di rivolgermi ad un Urologo-Andrologo, che sapesse aiutarmi. Ho preso appuntamento dal Prof. Iacono di Napoli e dopo i primi accertamentei mi ha proposto la soluzione Solv-Ed.

La prima seduta è stata un po impacciata ma le successive sono andate lisce, in pratica avevo poca irrorazione del sangue nel pene, con la tecnologia solv-Ed il problema è completamente risolto! Ora ho erezioni naturali e posso godermi la vita con la mia nuova compagna. Ringrazio in Primis il Prof. Iacono e anche tutto lo staff di solv-ed che mi sono stati vicini.

Massimo - Bologna

La paura di sprecare altro tempo e soldi mi avevano fatto perdere la voglia di risolvere il mio problema. Non nascondo che quando ho iniziato il trattamento ero ancora un po’ preoccupato anche se l’andrologo del centro SolvED mi aveva prospettato con molta sicurezza e serenità che avrei avuto dei miglioramenti.

Dopo 6 sedute posso dire che ho fatto bene a fidarmi di lui, ho ottenuto realmente un grosso miglioramento e posso dirmi soddisfatto dei soldi spesi. Peccato aver scoperto così tardi le onde d’urto, quanti soldi e quanto stress mi sarei risparmiato!

Matteo - Torino

Quando Via#gra e Ci#lis hanno cominciato a non funzionare più bene, mi sono veramente preoccupato. Su vari forum avevo sentito parlare bene di questo trattamento e allora mi sono convinto a fare una visita. Ho incontrato persone serie e professionali. Ho iniziato la terapia e le cose sembrano migliorare, spero con il prosieguo che tutto vada anche meglio. Nell’insieme per ora il mio giudizio è buono.

Paolo - Roma

Viaggio spesso all’estero e avevo sentito delle onde d’urto per migliorare i problemi di erezione. Quando ho saputo che erano disponibili anche in Italia ho voluto subito provarle.

Ora tutto funziona molto meglio, quasi bene come qualche anno fa. Sono molto contento di aver scelto Solved e lo consiglio.

Solv-ED: Il trattamento ad Onde d'Urto a Bassa Intensità per la cura della Disfunzione Erettile.
Migliora le prestazioni sessuali aumentando la vascolarizzazione del tessuto penieno.

Copyright © 2017-18 Solv-ED | Tutti i diritti riservati | Powered by Wintek Technologies Italia