Molte sono le situazioni, fisiche o psicologiche, che possono causare problemi di disfunzione erettile in un uomo più o meno gravi, le approfondiamo nella nostra rubrica INSIDE MAN.
Tra le patologie vi è la malattia di Peyronie (o la Induratio Penis Plastica – I.P.P.) dal nome del chirurgo francese che l’ha scoperta nel 1743.
Vediamo insieme di cosa si tratta e come affrontarla.

COS’E’. La malattia di Peyronie è data dallo sviluppo del tessuto fibroso cicatriziale all’interno del pene che provoca erezioni curve e dolorose. I peni degli uomini variano per forma e dimensioni ed avere un’erezione curva è comune e non necessariamente è motivo di preoccupazione, tuttavia, in alcuni uomini, il morbo di Peyrione provoca una curvatura significativa o dolorosa che può impedire di avere rapporti sessuali o potrebbe rendere difficile l’ottenere o il mantenere un’erezione (causando problemi di disfunzione erettile). Per molti uomini, la malattia di Peyronie provoca anche stress e ansia.

In una piccola percentuale di uomini, la malattia si risolve da sola, ma nella maggior parte dei casi, rimane stabile o tende a peggiorare. Se la curvatura provocata è così severa da impedire il successo del rapporto sessuale, può rendersi necessario un trattamento medico.

SINTOMI. I segni e i sintomi della malattia di Peyronie potrebbero apparire improvvisamente o svilupparsi gradualmente.
I più comuni comprendono:

  •  Formazione di tessuto cicatriziale che può essere sentito sotto la pelle del pene come una serie di grumi piatti o una banda di tessuto duro.
  • Curvatura significativa del pene verso l’alto, il basso o lateralmente. In alcuni casi, il pene eretto può presentare un restringimento, delle rientranze o prendere una forma vagamente a clessidra, con una banda stretta e tirata attorno al corpo del pene.
  • Disfunzione erettile, ovvero problemi nel raggiungere o mantenere un’erezione.
  • Riduzione della lunghezza del pene.
  • Dolore con o senza erezione.

La curvatura associata alla malattia di Peyronie potrebbe gradualmente peggiorare, ma nella maggior parte degli uomini tende a stabilizzarsi ad un certo punto della malattia. Solitamente, il dolore durante l’erezione migliora entro uno o due anni, ma il tessuto cicatriziale e la curvatura spesso rimangono. Per alcuni uomini, sia la curvatura che il dolore associati alla malattia di Peyronie migliorano senza alcun trattamento.
Bisogna però richiedere un consulto medico quando il dolore o la curvatura del proprio pene impediscono di avere un’attività sessuale o sono causa di forte ansia.

CAUSE. La causa della malattia di Peyronie non è completamente conosciuta, ma sembra che coinvolga un numero diverso di fattori. Si ritiene che la malattia nasca generalmente da ripetute lesioni al pene. Ad esempio, il pene potrebbe essersi danneggiato durante il sesso, durante attività fisica o in seguito ad un incidente. Tuttavia, il più delle volte, gli uomini non ricordano di aver subito danni specifici al pene.
La malattia si sviluppa durante il processo di guarigione da queste lesioni, quando il tessuto cicatriziale si riforma in modo disorganizzato, cosa che porta alla formazione di un nodulo avvertibile sotto pelle o allo sviluppo di una curvatura anomala. Durante l’erezione la regione col tessuto cicatriziale non si allunga come dovrebbe causando quindi la curvatura del pene o un forte dolore.
In alcuni uomini, la malattia di Peyronie si manifesta gradualmente e non sembra essere correlata ad una lesione. I ricercatori stanno studiando se la malattia possa essere collegata ad un tratto ereditario o a determinate condizioni fisiche.

FATTORI DI RISCHIO. Lesioni di lieve entità non portano sempre allo sviluppo della malattia di Peyronie, tuttavia, diversi fattori possono contribuire alla scarsa guarigione delle ferite e all’accumulo del tessuto cicatriziale che potrebbero portare alla malattia.
Questi includono:

  • Ereditarietà, che incrementa il rischio di contrarre questa malattia.
  • Disturbi del tessuto cicatriziale. Gli uomini che soffrono di una malattia del tessuto connettivo corrono un maggior rischio di sviluppare la malattia di Peyronie. Per esempio, un certo numero di uomini che hanno la malattia soffrono anche della condizione nota come contrattura di Dupuytren – un ispessimento simile all’effetto di una corda attraverso il palmo della mano che causa una flessione verso l’interno delle dita.
  • Età. I cambiamenti nei tessuti legati all’età potrebbero indebolirli rendendoli più facilmente lesionabili e meno propensi a guarire in modo corretto.

Altri fattori di rischio possono essere determinate condizioni di salute, il fumo e alcuni tipi di interventi chirurgici alla prostata.

COMPLICAZIONI:

  • Incapacità ad avere rapporti sessuali.
  • Difficoltà a raggiungere o mantenere un’erezione (disfunzione erettile).
  • Ansia o stress sulle proprie abilità sessuali o riguardo all’aspetto del proprio pene.
  • Stress nel rapporto con il vostro partner sessuale.
  • Difficoltà ad avere un bambino, in quanto il rapporto risulta difficile o impossibile.

PER SCOPRIRE LE CURE E I TRATTAMENTI PER LA MALATTIA DI PEYRONIE LEGGI LA SECONDA PARTE QUI